Omicidio Desirée, Visconti FdI: tutti abbiamo il dovere di chiedere scusa

Roma, 31 ottobre – Pronti e via, se qualcuno si era preoccupato del silenzio di Marco Visconti sull’omicidio di S. Lorenzo, ancora per mano di extracomunitari, che lascia ancora senza vita una ragazza giovanissima, Desirée Mariottini, l’esponente Romano di Fratelli d’Italia non si fa attendere e dal suo profilo Facebook non risparmia nessuno: “È vero la politica a volte specula su omicidi infami come quello di Desirée, lo si fa a destra prendendosela con le strategie di immigrazione incontrollata, lo si fa a sinistra con la polemica ignorante che batte sulla xenofobia, persino più ignorante quando e solo quando è senza motivo, gratuita e retaggio nostalgico. Questa volta, così come in passato, come analogamente è già troppe volte accaduto, ci si ritrova in una guerra tra poverissimi e l’unica ad averla già persa è quella ragazzina di 16 anni, perché per lei, nessuno ha combattuto. Aveva bisogno d’aiuto e nessuno glielo ha dato, le nostre città pullulano di stabili e palazzine occupate, zone franche che sfuggono al controllo delle Autorità, tutti lo sanno e nessuno le sgombera, nonostante le tante denunce lanciate da esponenti politici locali come il sottoscritto, denunce non solo di facciata, ma contenenti dossier poste alla cognizione persino della Procura della Repubblica. Poi la scena la prendono da un lato Salvini, che da Ministro degli Interni, non solo ha il diritto, ma anche il dovere di recarsi sui luoghi, salvo poi cadere nelle provocazioni di gente senza arte né parte, che la scena la prende per hobby e, dietro questa o quella sigla, la polemica la fa per mestiere, da sempre alle spalle di chi va a lavorare. Troppi centri sociali e pochi servizi sociali, troppi diritti e pochi doveri, troppe chiacchiere ad orologeria e pochissime palle per prevenire delitti bastardi per i quali, ancora una volta, ciascuno di quanti si occupi o si sia occupato di cosa pubblica non si azzarda a chiedere scusa e a prendersi per sé un po’ della colpa di quanto successo a quella ragazzina. Intanto le palazzine, gli stabili e i depositi continuano ad essere occupati e non ho visto eserciti iniziare a sgomberarli, i commissariati di polizia continuano ad essere per buona parte chiusi di notte, i centri sociali, fatti esclusivamente di parassiti della società,fanno e faranno ancora il bello e il cattivo tempo, alla maggior parte delle espulsioni non seguono i rimpatri e fra un mesetto Desirée sarà scalzata dalle cronache dalla prossima e così all’infinito, fino a che non si affermerà il principio per il quale la legalità è l’unica chiave e si persegue ad ogni costo, anche e soprattutto con la forza, perché nessun diritto vale più del suo dovere complementare e nessuna libertà vale più della sicurezza”.

 

Desiree_Mariottini

Piazza dei Giureconsulti: Visconti, il degrado clandestino arriva in Consiglio comunale

Roma, 25 ottobre – Sul degrado clandestino di Piazza dei Giureconsulti, che da mesi è stata occupata da un gruppo di extracomunitari ubriachi e molesti, Marco Visconti (FdIAN) non si arrende e, dopo gli esposti alle autorità e gli interventi su radio e quotidiani locali, la questione, oggi, è approdata in aula Giulio Cesare. Lo stesso Visconti, insieme al vicepresidente dell’Assemblea capitolina On. Andrea De Priamo, infatti aveva presentato nei giorni scorsi un’interrogazione consiliare volta ad individuare le reali intenzioni del sindaco Raggi sulla vicenda. Nella giornata odierna in Campidoglio a rispondere è proprio il primo cittadino che come si legge da questa agenzia non ha soddisfatto però ne l’esigenza di sgomberare la piazza ne quella di rimuovere il degrado e il bivacco che la stanno riguardando a scapito dei cittadini. A tal proposito sono ancora i due esponenti romani di Fratelli d’Italia, Andrea de Priamo e Marco Visconti, a far sapere in una nota che continueranno a battersi affinché il problema venga preso in considerazione e definitivamente risolto.

OMR0154 3 POL TXT Omniroma-SICUREZZA, DE PRIAMO-VISCONTI (FDI-AN): COMUNE INTERVENGA A PIAZZA GIURECONSULTI (OMNIROMA) Roma, 25 OTT – “Oggi il sindaco Raggi ha risposto alla mia interrogazione sul degrado di piazza Giureconsulti. Si tratta di una zona ormai praticamente invasa da gruppi di stranieri ubriachi e molesti, tant’è che l’Associazione Movimento Capitale ha recentemente presentato un esposto ai Carabinieri sulla vicenda. Pur apprezzando che il sindaco sia intervenuto personalmente per rispondere, dobbiamo rilevare che non ha preso alcun impegno concreto rispetto allo sgombero e nemmeno sembra si sia attivata con azioni e interventi volti a contrastare tali comportamenti molesti. Come Fratelli d’Italia, pertanto, proseguiremo a batterci contro il degrado e a denunciare situazioni di questo tipo affinché l’amministrazione capitolina non intervenga concretamente per risolvere problemi inerenti la sicurezza pubblica”. È quanto dichiarano in una nota congiunta gli esponenti di Fdi-An, Andrea De Priamo, consigliere comunale e vicepresidente dell’Assemblea Capitolina e Marco Visconti, presidente di Movimento Capitale.

Piazza dei Giureconsulti, Visconti (FdI): “Esposto alle autorità, è allarme sicurezza”

Roma, 04 ottobre – Risse, molestie ai passanti e aggressioni, uno scenario che si ripete ormai quotidianamente a piazza dei Giureconsulti nel quartiere Aurelio. A tenere sotto scacco i residenti un nutrito gruppo di extracomunitari, giovani e meno giovani che, ubriachi già dal tardo pomeriggio, bivaccano in strada fino a notte fonda. Decine le segnalazioni e le denunce per schiamazzi, atti vandalici, aggressioni e molestie soprattutto a scapito di donne, che ora si ritrovano ad aver paura a camminare da sole. A lanciare l’allarme è Marco Visconti, presidente di Movimento Capitale e membro del coordinamento romano di Fratelli d’Italia, che in mattinata ha presentato un esposto a Polizia e Carabinieri e richiesto un tavolo di concertazione. Proprio Visconti in una nota dichiara: ” E’ intollerabile che in una piazza così nevralgica per migliaia di cittadini sia consentito a un branco di disadattati di seminare il terrore. I fatti di cronaca degli ultimi giorni – prosegue Visconti – che parlano di stupri e aggressioni in altri quartieri della città, devono riaccendere i riflettori sull’esigenza di controlli e prevenzione, perché la sicurezza si fa così. Per questo ho chiesto che venga promosso un tavolo di concertazione che risolva definitivamente la situazione, già nota alle autorità, di Piazza dei Giureconsulti. Se gli esposti di oggi non avranno esito – conclude Visconti – sono disposto ad arrivare in Procura, come già fatto con successo in passato per altre battaglie di legalità e sicurezza”.