Sciopero taxi, Visconti (FdI): “Solidarietà contro vergogna comunista che polverizza investimenti e sacrifici “

Roma, 20 febbraio – Taxi al quinto giorno di sciopero in tutta Italia e a Roma, al fianco di migliaia di tassisti, si schiera senza mezzi termini il membro del coordinamento romano di FdI Marco Visconti, che in mattinata ha incontrato alcuni professionisti del 3570, prima cooperativa delle Auto Bianche della Capitale: “L’emendamento a firma Lanzillotta, nascosto bene nelle pieghe del decreto Milleproroghe, rappresenta una vergogna comunista che polverizza anni di investimenti e sacrifici. Se questo scempio passasse sotto silenzio – spiega Visconti – le migliaia di licenze acquistate per più di 100 mila euro ciascuna, con mutui, ipoteche su proprietà e conti che fanno fatica a tornare a fine mese, finirebbero per non valere più nulla, con noleggiatori provenienti da paesini sperduti, che con tariffe assicurative irrisorie avrebbero, grazie a Uber, le stesse possibilità di lavoro, gli stessi diritti ma per niente affatto gli stessi obblighi. Non è un dettaglio – prosegue Visconti- eliminare la disposizione di legge che prevede per gli NCC l’obbligo di rimessaggio nel comune di residenza. Perché se è vero che tutti devono lavorare, è altrettanto vero che devono poterlo fare alle stesse condizioni. Né è pensabile – conclude Visconti – che con una manovrina in perfetto stile sinistroide si sanino implicitamente abusivi di ogni tipo, in barba a un servizio pubblico che rappresenta un valore nella nostra città”.

IMG-20170220-WA0001

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...