Frutteria Suq, Marco Visconti: con me Torrevecchia ha vinto

Un esposto alla Procura della Repubblica e un’istanza al Comune di Roma: Marco Visconti e i cittadini di Torrevecchia, dopo mesi di una battaglia che non ha risparmiato radio e quotidiani locali, hanno vinto. Nella tarda serata di ieri la frutteria suq più grande del quartiere è stata chiusa dalle autorità. Reati amministrativi per decine di migliaia di euro, condizioni igieniche intollerabili, merci vendute all’esterno del locale dentro scaffali di legno accatastati sulla via pubblica e inosservanza degli orari di apertura e chiusura, c’è questo e molto altro sulla determina di chiusura con la quale gli agenti della Polizia di Roma Capitale e della Guardia di Finanza hanno intimato ai gestori extracomunitari dell’esercizio l’interruzione dell’attività. Per Visconti, che ha personalmente firmato istanza ed esposto si tratta di una vittoria di legalità senza precedenti a Roma, queste le sue parole: “Ho vinto, Torrevecchia ha vinto: contro l’illegalità costante, contro il potere strabordante della Frutteria Suk più grande del quartiere gestita da extracomunitari, il mio esposto alla Procura della Repubblica ha vinto e l’Esercizio è stato chiuso. Lo avevo promesso alla Gente e personalmente su questa battaglia fin dall’inizio c’ho messo la faccia. C’era chi diceva che la mia era solo una chiacchiera da campagna elettorale e, oggi, ironia della sorte io che la mia promessa l’ho mantenuta non sono stato eletto mentre Roma è in mano ai cialtroni dell’ultima ora, per quali meriti chissà. Io mi vanto, la mia Gente può vantarsi. Si prenda esempio – ha concluso Visconti – per intervenire su le troppe frutterie suk che ormai rappresentano una vera e propria piaga in una città che non possiamo abbandonare alla deriva.”
14203383_10210372290605560_7460244536332689761_n

Terremoto, Visconti: partita la raccolta alimentare, domani si replica

Roma, 25 Agosto – E’ partita nel pomeriggio di oggi la raccolta di beni di prima necessità destinati alle popolazioni colpite dal terremoto. Dalla sede di Via Silvestro II, 28 è proprio Marco Visconti ad aver ricevuto quanti hanno già voluto contribuire all’iniziativa che proseguirà ancora domani dalle 10:00 alle 13:00. Lo stesso Visconti, qualche minuto fa afferma: “La nostra raccolta di beni di prima necessità è partita, orgoglioso, fiero e felice di tutta la solidarietà che la tantissima gente che mi sta intorno ha già dimostrato in appena due ore. Domani si prosegue dalle 10 alle 13, via Silvestro II, 28. Un grazie di cuore a tutti coloro che parteciperanno, a Movimento Capitale, all’onlus il Girotondo delle Parole e ai volontari dell’associazione di protezione civile, Base 2001, con i quali condurremo sui territori terremotati il nostro supporto. Non è forse facile capirlo – ha concluso Visconti – ma anche questa è politica.Questa è da sempre la mia Politica.”

14102178_10210250154832242_90499060851766346_n

Terremoto: Visconti lancia la 6° edizione di “Andiamo a Donare il Sangue”

Roma, 24 Agosto – “La nostra solidarietà e la vicinanza alle famiglie e ai territori colpiti dal terremoto di questa notte sono concrete. Domenica 28 agosto, dalle ore 08:00 alle ore 11:00, abbiamo organizzato in urgenza la sesta edizione di Andiamo a Donare il Sangue – queste le parole di Marco Visconti, che in una nota aggiunge – come sempre, presso il centro trasfusionale Olgiati del Policlinico Gemelli, con Movimento Capitale, associazione di cui sono presidente, vi aspetto più numerosi del solito. In questa occasione il sangue raccolto sarà messo a disposizione per i feriti trasportati e assistiti a Roma e per l’ospedale San Camillo De Lellis, di Rieti; non possiamo e non dobbiamo restare a guardare” – ha concluso Visconti.

Tutti gli aggiornamenti saranno disponibili a partire da oggi su questo sito.
Per ulteriori info: scrivi a conlagenteperlagente@marcovisconti.it

 

Tragedia Portonaccio, Visconti: No al tiro al bersaglio, si pensi al bimbo rimasto senza mamma.

Roma, 10 Agosto – Dopo la tragedia di Portonaccio, nella quale una donna di 37 anni ha perso la vita precipitando in un parcheggio sotterraneo comunale a causa di una grata mancante sul piano stradale che percorreva a piedi, Marco Visconti (FdI) intervenuto in mattinata invita a non strumentalizzare l’accaduto e in una nota afferma :”C’è un bimbo disabile di 11 anni rimasto senza mamma ed ora è opportuno che ci si stringa completamente attorno alle sue esigenze. Con la onlus  Il Girotondo Delle Parole, di cui sono membro onorario, sono pronto fin da subito a farmi portavoce di una gara di solidarietà in favore del piccolo, per quelle che, anche tenuto conto della sua condizione, possono essere in questo momento difficile le sue primarie necessità. Si rinunci invece al solito tiro al bersaglio sulle responsabilità che evidentemente in questa città è sempre tardivo e strumentale. Per appurare eventuali responsabilità bastano e avanzano giudici, giornalisti della cronaca nera dell’ultima ora e colleghi pronti al rimpallo delle colpe presunte si facciano da parte e tutti insieme rendiamoci utili per dare una mano”.