Roma, bilancio. Visconti: aumento retta nidi deve sparire.

Roma, 26 febbraio 2016 – All’indomani dell’approvazione del bilancio di previsione 2016-2018 è il presidente di Movimento Capitale Marco Visconti il primo a contestare l’inserimento nel documento del sensibile aumento delle rette per i nidi comunali.
E proprio Visconti in una nota afferma: “Si tratta di un aumento vessatorio nei confronti delle famiglie che nei nidi di Roma non ricevono alcun servizio per i loro bambini. Specie negli ultimi anni ormai il Comune mette a disposizione dei piccoli solo locali fatiscenti e qualche educatrice, mentre ogni altra utilità viene acquistata dalle famiglie.
In condizioni di questo tipo – prosegue Visconti – è vergognoso prevedere un aumento della retta fino a diverse centinaia di euro. Chiederò a tutti gli esponenti di centrodestra dei municipi di Roma di fare quadrato intorno alla necessità che questa previsione sparisca dal bilancio definitivo. È ora – conclude Visconti – che passi il messaggio forte che la politica sta con la gente”.
Marco Visconti Nidi

Mercatini rom, Visconti: “Con 5 milioni mangiano 1250 famiglie italiane”

Al via la regolamentazione dei mercatini rom: il Dipartimento Politiche Sociali del Campidoglio ha bandito 5 milioni di euro per la legalizzazione di 6 mercatini (Lombroso, Barbuta, Candoni, Salone, Gordiani e Castel Romano). “Ricettacoli della criminalità trasformati in villaggi del riuso con il Comune che diventa vergognosamente complice ai danni della collettività”. È questo il commento di Marco Visconti che dall’opposizione promette battaglia: “Con 5 milioni di euro stanziati in 20 mesi ci mangiano 1250 famiglie italiane: con un contributo di 200 euro mensili si permetterebbe di arrivare a fine mese a chi paga le tasse da generazioni e si vede invece scalzato nelle politiche sociali da un provvedimento che favorisce comunità che non hanno mai aggiunto nulla alla società civile. Si tratta – aggiunge Visconti – di un provvedimento indegno, al quale dichiariamo guerra da subito. In un momento in cui famiglie, disabili, anziani e scuole dell’infanzia non ricevono alcun tipo di finanziamento, pensare di legalizzare il crimine sulle spalle dei cittadini è inaccettabile. In questo appalto infame poi – conclude Visconti – chissà in quale considerazione venga tenuto il decoro, la sicurezza pubblica e tutte le spese straordinarie sostenute dall’Ama e quindi dai romani per bonificare il degrado di tanta ignoranza”.

Inaugurata da Marco Visconti (Movimento Capitale) la sede politica di via Silvestro II n°28

Foto e video inaugurazione della sede politica di Marco Visconti(Movimento Capitale) di via Silvestro II, n°28. Circa duecento le persone presenti che hanno voluto festeggiare insieme al presidente l’apertura del circolo che si propone essere punto di riferimento per e del territorio. Di seguito, oltre alle immagini e ai video, il ringraziamento di Marco Visconti attraverso la sua pagina Facebook a tutte le persone che sono intervenute per l’occasione in vista delle elezioni al Consiglio Comunaledella Capitale in cui il presidente ha deciso di candidarsi.

Marco Visconti Inaugurazione sede politica. Marco Visconti Inaugurazione sede politica

Inaugurare la mia nuova sede politica e incontrare il sostegno e l’abbraccio sincero di oltre 200 persone proprio non me l’aspettavo. Prima di partire per questa nuova grande avventura verso il Consiglio Comunale la parola che più mi rappresenta stasera è GRAZIE. Grazie agli amici di una vita, grazie a chi sta al mio fianco da anni, grazie a tutti quelli che stanno imparando a conoscermi e che per starmi accanto stasera hanno fatto il giro della città. Siamo solo all’inizio, avanti tutta!”

da newsgo.it

CHI SONO

“Credo nella stretta di mano per tutto quello che sa trasmettere e nella parola data per tutto quello che per me rappresenta da sempre. Prima cittadino e solo dopo esponente politico.” Cit.  Marco Visconti

Mi chiamo Marco Visconti e sono nato a Roma il 23 Marzo del 1981 da una famiglia umile che ha sempre scelto l’onestà, la dignità e la tenacia come valori identitari irrinunciabili.
Una disabilità visiva che porto con orgoglio, tre sorelle, cinque nipoti, una madre paziente e un padre che dopo avermi insegnato tutto quello che so ha scelto di continuare a guidarmi dall’altra parte della strada.

Marco Visconti inizia la sua attività politica da studente e a 17 anni è già rappresentante di istituto per il Liceo classico Lucio Anneo Seneca nel quale consegue la maturità nel 2000.
Subito dopo il diploma sono ancora la politica e la passione innata per il volontariato a ricoprire un ruolo centrale così nel 2001 Marco Visconti fonda insieme ad alcuni amici un’associazione di volontari di protezione civile con base nella provincia di Roma che negli anni si occuperà tra le altre cose del terremoto dell’Abruzzo e dell’Emilia ottenendo numerosi riconoscimenti. Iscritto dal 2001 nelle fila di Alleanza Nazionale inizia a svolgere una costante attività di militanza.
Nel 2002 si iscrive alla facoltà di giurisprudenza presso l’università Roma Tre dove terminerà gli studi. Nell’anno accademico 2003/2004, 2004/2005 Marco Visconti viene eletto e riconfermato Consigliere di facoltà, nel 2006 è eletto nella Consulta Studentesca Regionale.

Da sempre attento alle esigenze dei quartieri da cui proviene, Boccea e Primavalle e nei quali muove i suoi primi passi nella politica, fiero sostenitore della centralità del cittadino; nel 2008 Marco Visconti viene scelto dal Difensore Civico di Roma, Avvocato Ottavio Marotta, per l’attivazione presso il Municipio XIII del primo sportello per la tutela dei diritti della cittadinanza.
La fortunata esperienza di delegato per l’ufficio extra dipartimentale del difensore civico di Roma gli consente di conoscere ancor più e ancor meglio da vicino le aspettative e gli interessi delle persone, le tematiche legate al territorio e il funzionamento della macchina amministrativa.
Nei primi mesi del 2009, nell’ambito dell’amministrazione Alemanno, viene chiamato a collaborare nella delega per l’emergenza abitativa.
Il 26 Maggio 2010 Marco Visconti viene nominato Responsabile dei rapporti politici dell’Assessorato all’Ambiente e del verde Urbano del Comune di Roma incarico dal quale si dimetterà il 3 Febbraio 2013.
Idealista inguaribile e militante per natura nel 2011 Marco Visconti fonda l’Associazione Politico Culturale Movimento Capitale con l’obiettivo di restituire al cittadino quel ruolo di centralità troppo spesso dimenticato da una politica distratta.
Sotto la bandiera di Movimento Capitale, dopo essere stato eletto e riconfermato Presidente, combatte numerose battaglie intorno ai temi del Sociale, dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e della Sicurezza.
Proprio a questo proposito sono di Marco Visconti con Movimento Capitale numerosissime iniziative di sensibilizzazione e campagne di protesta:

  • il sostegno alimentare mensile a 20 famiglie italiane in completo autofinanziamento,
  • la creazione di un gruppo stabile di donatori del sangue presso il centro trasfusionale Olgiati del Policlinico Gemelli,
  •  le battaglie al fianco dell’amica Isabella Rauti contro la violenza sulla donna
  •  ma anche la grande protesta contro la tassa sui rifiuti (TARI non ti pago, prima pulite poi paghiamo),
  • contro gli ambulanti abusivi (un ambulante abusivo ogni 10 metri fa chiudere un negozio ogni 20)
  • e da ultimo contro la cattiva gestione della galleria Giovanni XXIII (Galleria Giovanni XXIII spesso chiusa per ferie).

Nel corso del suo primo mandato di Presidente, Marco Visconti, colloca Movimento Capitale tra le tre Associazioni più importanti nel panorama della Destra romana e proprio a Movimento Capitale, nel 2012, viene affidato, dall’allora Sindaco Gianni Alemanno, il compito di fondare Rete Attiva x Roma alla quale si federeranno oltre 300 tra Associazioni e Comitati di Quartiere. In Rete Attiva x Roma dal 2012 Marco Visconti sarà dapprima Consigliere e poi Vice Presidente, prima di dimettersi nel Marzo 2013.
Attivo negli ambienti Cattolici della Città nel 2012 inaspettatamente Marco Visconti viene eletto prima Consigliere e poi Presidente dell’Associazione Laici Cattolici italiani (ALCI) incarico che sarà costretto ad abbandonare nel 2013 per incompatibilità con l’attività politica.
Nel 2013 si candida alle elezioni amministrative per il consiglio del Municipio XIII nella lista del PDL ottenendo 321 voti di preferenza.
Continuando a svolgere un’attività instancabile sull’intero territorio romano al fianco delle persone Marco Visconti si guadagna un posto di rilievo tra i massimi oppositori alla Giunta Marino, ottenendo una fortissima considerazione da parte di quotidiani, tv e radio locali.
Le tantissime iniziative di protesta ma soprattutto la capacità di continuare a ottenere interventi in diversi quartieri di Roma, dalle fila dell’opposizione contribuiscono a far crescere la sua popolarità sui social network e ad aumentare i tesseramenti a Movimento Capitale, che ora conta oltre duemila iscritti.
Nel 2014, ancora nel quartiere di Boccea, fonda il primo CAF a prezzi sociali e nel 2015, nello stesso senso, stipula una convenzione per un secondo CAF stavolta nel quartiere di Primavalle.
Nel 2015 Marco Visconti dopo aver ottenuto l’ennesimo sgombero di un insediamento abusivo di Rom, da anni atteso dalla cittadinanza, viene diffidato dalla presidenza del Consiglio dei Ministri e nello specifico dall’Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale a voler diffondere messaggi di tolleranza alla collettività.
Alle due consecutive diffide da parte dell’U.N.A.R Marco Visconti in qualità di Presidente di Movimento Capitale risponderà con la realizzazione e l’affissione di migliaia di manifesti con il messaggio: “100 di queste denunce per 1000 di questi sgomberi”.
Credo nella Politica fatta con la gente per la gente, credo nella Politica che si respira nei bar e non nelle stanza del potere, credo nell’unica Politica che so fare, quella che si costruisce giorno dopo giorno in un percorso faticoso ma colmo di soddisfazioni al servizio della gente comune.
L’impegno che da anni metto in campo senza essermi mai tirato indietro, mettendoci sempre la faccia in prima persona e senza essermi mai arricchito mi ha permesso di confrontarmi con le realtà più diverse della società civile, di conoscerle, di individuarne le criticità e di apprezzarne le peculiarità.
Vedere poco nel mio caso ha sempre e solo significato guardare meglio, schierarmi dalla parte dello svantaggio è sempre stata un’esigenza e insieme il mio riscatto sociale.
Attualmente svolgo la mia attività professionale di consulente legale presso lo studio legale Gava fondato nel 1926 dall’Avv.on.Silvio Gava, già Ministro del Tesoro.
Marco Visconti si candida alle elezioni amministrative 2016 per il Consiglio Comunale di Roma e a chi mi domanda quale sia il mio programma rispondo che alle parole preferisco i fatti e che mi candido per continuare a Fare, per raddoppiare il mio impegno e per triplicare le risposte che da sempre mi onoro di dare alla gente.
Con la gente per la gente perché il protagonista della storia che stiamo scrivendo non sono e non sarò mai Io ma solo insieme facciamo la differenza per noi stessi e per chi non ce la fa.